Skip to main content

Sono 291.000 in più i disoccupati rispetto al 2007

 |  Redazione Sconfini

Impennata improvvisa della disoccupazione in Italia. Negli ultimi dodici mesi, l'indice è passato dal 5,7% del secondo trimestre 2007 al 6,8% del secondo trimestre 2008.

Un aumento di oltre il 20% e che tradotto significa 291.000 persone in più senza lavoro. Ad esse, nei prossimi mesi andranno sommati gli esuberi Alitalia (circa 7.000) e il primo scaglione di neo-disoccupati del settore scolastico (circa 15.000).

lavoratori, disoccupazione, nord, sud, crisi, stagflazioneSommando l'inflazione, che resta sopra il 3,6% su base annua e la crescita zero del Prodotto Interno Lordo, è possibile ipotizzare scenari veramente pessimistici per l'Italia. Recessione fa rima con stagflazione, la peggiore congiuntura possibile in termini macroeconomici. Il tutto è aggravato dalla crisi internazionale che sta per colpire direttamente anche l'Italia (i mercati azionari sono in continuo ribasso) e dalla totale assenza di un piano di sviluppo occupazionale e industriale da parte delle istituzioni.

Riguardo alla disoccupazione l'Istat spiega che il 6,8% è il dato più alto degli ultimi due anni.

La crescita a livello geografico La crescita, territorialmente diffusa, è risultata relativamente meno sostenuta nel Nord (+0,6 punti percentuali), dove ha riguardato più ampiamente la componente femminile. Nel Centro la crescita è stata più accentuata (+1,6 punti percentuali) e ha coinvolto gli uomini ma soprattutto le donne; nel Mezzogiorno l’innalzamento del tasso di disoccupazione (+1,3 punti percentuali) ha interessato in misura pressochè analoga entrambe le componenti di genere.

Il tasso di disoccupazione del Mezzogiorno (11,8 per cento) è rimasto peraltro molto più elevato in confronto a quello del Nord (3,8 per cento) e del Centro (6,4 per cento). Anche il tasso di disoccupazione degli stranieri è cresciuto passando dal 7,6 per cento del secondo trimestre 2007 all’8,8 per cento. Nel secondo trimestre 2008 il numero di inattivi in età compresa tra 15 e 64 anni è sceso nel Mezzogiorno (-1,8 per cento, pari a -117mila unità) e in misura ancora più evidente nel Nord (-2,4 per cento, pari a -129.000 unità). Nel Centro il calo degli inattivi è stato più contenuto (-1,4 per cento, pari a -35mila unità) e dovuto alla sola componente femminile. Nel secondo trimestre 2008 il tasso di inattività della popolazione tra 15 e 64 anni si è attestato al 36,5 per cento, un punto percentuale in meno rispetto a un anno prima. Il tasso si è ridotto in tutte le ripartizioni soprattutto con riguardo alla componente femminile. Nel Nord l’indicatore è passato dal 31,1 per cento del secondo trimestre 2007 all’attuale 30,1 per cento; nel Centro dal 33,6 per cento al 32,8 per cento e nel Mezzogiorno dal 47,7 per cento al 46,6 per cento.


Altri contenuti in Economia

Lavorare meno, lavorare tutti il nuovo slogan del Governo

  La fragilissima situazione economica mondiale, che sta investendo anche l'Italia, ha prodotto un'intuizione del Ministro del Lavoro, Maurizio Sacconi. In sintesi l'idea è questa: per evitare che ...

Rimborso azionisti Alitalia. Difficile recuperare un po' di soldi

"Gli azionisti Alitalia non perderanno neanche un euro". A tranquillizzare migliaia di investitori (la stragrande maggioranza dei quali piccoli azionisti) furono pochi mesi fa il presidente del Con...

Reddito minimo garantito: la soluzione M5S per rilanciare l'economia

Il cosiddetto reddito di cittadinanza, che i parlamentari 5 Stelle hanno orientato verso il "reddito minimo garantito", potrebbe essere realtà anche in Italia. PD volendo ovviamente. Essendo nel pr...

La grande fuga: cosa resta al risparmiatore?

  E' un film che certamente avete già visto: “La grande fuga” ci viene riproposta puntualmente ogni mese. Ma no, non sto alludendo alla grande pellicola di John Sturges con il mitico Steve McQueen....

Mezzo tfr in busta paga? Ci guadagna solo Renzi (e le banche)

Dopo la diabolica mancia pre-elettorale da 80 euro, Renzi pare fiutare aria di elezioni e se ne inventa un'altra per prendere all'amo qualche altro milione di morti di fame. "Mettiamo metà del tfr ...