Skip to main content

Internet e smartphone: la coppia del XXI secolo

 |  Redazione Sconfini

La storia dell’umanità ne ha viste di coppie celebri ma, senza voler ledere la maestà di nessuna di queste, è lecito sostenere che nel XXI secolo nessuno ha fatto meglio del binomio Internet e smartphone. Il mobile e il digital hanno infatti rivoluzionato la società, il commercio e ovviamente la quotidianità di tutte le famiglie della Penisola e non solo. Oggi come oggi sono numerose le attività che si sono spostate in rete e sui display dei telefonini, dalla fruizione di contenuti videoludici al gaming, passando per lo shopping online e molto altro ancora.

La coppia che spinge il telefono fisso verso il pensionamento

Non è dato sapere quando, ma la sentenza è una certezza: prima o poi il telefono fisso verrà messo in soffitta e pensionato per sempre. Questo è già accaduto (o sta accadendo) in altri paesi europei e mondiali, e il motivo è facile da spiegare: grazie a Internet, non serve più la linea fissa per restare in contatto con amici, parenti e conoscenti vari. In secondo luogo, non si deve più usare necessariamente il telefono fisso, dato che basta una connessione al web per telefonare.

In tal caso si fa riferimento alla tecnologia VoIP, che ha di fatto soppiantato le classiche telefonate “con il filo”. Inoltre, se prima l’acquisto di un telefono fisso era legato anche alla necessità di agganciare la linea della connessione. Grazie ad alcune nuove tecnologie, oggi sul mercato si possono trovare alcuni operatori che danno la possibilità di avere Internet a casa senza telefono, rendendo di fatto non necessario agganciarsi alla rete fissa.

Lo smartphone, infatti, ha ormai sostituito le vecchie linee casalinghe, e sono proprio i dati a spiegare qual è la situazione attuale in Italia: stando alle ultime indagini ufficiali, il telefono classico è presente in meno del 60% dei nuclei abitativi della Penisola, una percentuale in costante calo da anni, che va scendendo con una velocità sempre maggiore.

Il cambiamento delle abitudini grazie al digitale e agli smartphone

Da quando Internet e gli smartphone vanno a braccetto, la vita di tutti noi non è più la stessa. Basti pensare alle abitudini d’acquisto degli italiani, oramai sempre più spesso rivolte al digitale e al mobile, con gli e-commerce responsive che moltiplicano le proprie vendite mese dopo mese. In secondo luogo, persino la formazione si è spostata sui device mobile e viaggia tramite le maglie della rete, grazie alle università telematiche e alle numerose aziende private che offrono corsi in live o registrati. È ovviamente cambiato il modo di reperire le informazioni, sempre più slegate dalle canoniche fasce orarie dei TG, e oramai disponibili nel giro di pochi secondi dagli accadimenti. Infine, è stata stravolta anche la logica dei palinsesti delle tv, con le piattaforme streaming.


Altri contenuti in Tecnologia

Nel giorno della Memoria trionfa iMussolini, altro che iPad

Nel giorno in cui il mondo, con la Giornata della Memoria, ricorda l'Olocausto degli ebrei e l'universo digitale si arricchisce dell'iPad, un 25enne italiano, Luigi Marino, vende migliaia di applic...

Scoperta una nuova Venezia a 7 km dalla città lagunare

Esisteva una Venezia prima di Venezia? Sembra proprio di sì. L'incredibile scoperta è di un team di archeologi e ricercatori dell'Università di Padova che hanno trovato la "mamma" della più romanti...

I viaggi del futuro? A bordo del bus che galleggia

Straordinaria invenzione nel campo del trasporto civile. Grazie al progetto Amphicoach (letteralmente bus anfibio) GTS-1 sarà presto possibile viaggiare su un comodo e confortevole bus da 50 posti ...

Elezioni PdR: 6 persone che si passano foglietti per 4 ore estraendoli dalla damigiana di Giolitti

Come previsto la prima chiama per l'elezione del nuovo Presidente della Repubblica è andato a vuoto.   Per non "bruciare" il candidato scelto all'unanimità dal PD, Mattarella, Renzi ha imposto sche...

Babbo Bondi e l'equo compenso

Come si può fare per arricchire indebitamente ancora di più la Siae mettendo le mani in tasca ai cittadini che ne devono restare il più possibile ignari? Con un raffinato decreto del 30 dicembre, i...