Skip to main content

Il vero desiderio (malcelato) dei tedeschi: prendersi il 15% della ricchezza italiana

 |  Redazione Sconfini

Quella dei tedeschi per la ricchezza delle famiglia italiane sta diventando un mania. Sembra in tutto e per tutto una moderna rivisitazione della teoria dell'invidia del pene di freudiana memoria.

Se lo scandaloso accordo per evitare il default di Cipro, che sembra in queste ore vacillare, dovesse andare in porto, si romperebbe l'ultimo argine alla rapina legalizzata delle ricchezze dei cittadini italiani e più in generale dei paesi del Mediterraneo. Qualora infatti alla finanza europea fosse arrogato il diritto (sotto la copertura di una tassa) di prelevare dal 6,75% al 10% dai conti dei cittadini di un paese europeo come Cipro allora l'operazione si potrebbe ripetere su vasta scala andando a dissanguare il pesce grande. Si chiami esso Grecia, Spagna o Italia poco importa.

Il livello patologico di questi tentativi che acquistano corpo giorno dopo giorno viene servito dal capo degli analisti della tedesca Commerzbank, Jorg Kramer. Si tratta di una figura di alto profilo in quella banca privata, fortunatamente senza alcun potere decisionale sulle politiche europee, ma indicativo dell'aria che tira laddove il potere finanziario si è ormai concentrato ovvero in Germania.

Kramer spiega: "I patrimoni finanziari degli italiani corrispondono al 173% del Pil e sono molto superiori a quelli tedeschi che corrispondono al 124%. Per questo sarebbe utile applicare in Italia una patrimoniale, una tassa del 15% sui patrimoni basterebbe ad abbassare il debito pubblico italiano sotto la soglia critica del 100% del Pil". Capito? Il 15% dei nostri soldi depositati su conti correnti, fondi comuni, depositi postali, azioni e Bot.

Ora, evidentemente al signor Kramer sfugge il leggerissimo impatto recessivo che avrebbe una tassa simile che, sommando la perdita di circa il 20% del valore degli immobili significherebbe far tornare indietro l'Italia di almeno 40 anni in termini di valore patrimoniale della sua ricchezza. Ma la domanda cui rispondere veramente è da estrapolarsi dalla dichiarazione dell'analista tedesco: a chi sarebbe utile una patrimoniale in Italia?

Di certo non all'Italia che può farcela da sola semplicemente riducendo la spesa pubblica, la corruzione, gli sprechi e rilanciando il mercato interno delle fasce medie e medio basse del Paese con i tradizionali mezzi che la politica economica ha messo in campo più volte nell'ultimo secolo e che in parte la Germania stessa utilizza ancora oggi: deficit spending, salario orario minimo garantito per legge per qualsiasi tipo di lavoro richiesto, deburocratizzazione, crediti alle imprese, reddito minimo garantito, agevolazioni sui beni di prima necessità, ripristino del diritto all'abitazione popolare, tassazione al 50% dei capitali scudati al 5%, pagamento fatture arretrate da parte della P.A. e così via. In 8/12 mesi, qualora si accompagnassero questi dispositivi a una seria lotta all'evasione e alla corruzione, il Paese si rialzerebbe e riprenderebbe a viaggiare più speditamente dei tedeschi che nonostante i tentativi di affossarci ancora ci invidiano i risparmi (che nonostante gli sforzi sono ancora superiori a quelli tedeschi) che le lungimiranti famiglie italiane hanno messo da parte generazione dopo generazione.

Ironia della sorte, la Kommerzbank (seconda banca tedesca) del signor Kramer, forse anche per merito dei suoi analisti, nel 2008 era praticamente fallita. Poi nel 2009 fu salvata dal governo tedesco che ne ha in mano ancora il 25%. Ecco il motivo per non prendere sottogamba le parole di Kramer.

---

diventa fan su facebook


 


Altri contenuti in Economia

Aumento dell'Iva. I consumatori pagheranno molto più dell'1%

Buone notizie Italiani. Benvenuti nel paese in default. Da sabato, con grande gioia dei negozianti che devono cambiare tutti i prezzi dei loro prodotti, scatta l'Iva al 21%. Cosa significa in soldo...

Almeno in una classifica l'Italia sale: peccato sia quella delle tasse

E' sempre difficile giudicare in modo oggettivo l'azione di un governo nazionale. Spesso le scelte politiche che vengono prese possono essere valutate in modo diverso in base alla visione ideologic...

Il disastro economico del Coronavirus. I dipendenti pubblici facciano la loro parte

Lo scoppio della pandemia da Covid19 non è certo colpa di qualcuno in particolare, sebbene con un po' di prevenzione in più e un ancor maggiore anticipo del lockdown (arrivato comunque presto) si p...

Supercapitalismo: consumatori e non più cittadini

Dal punto di vista economico e sociale, la fase che stiamo vivendo oggi ha avuto inizio negli anni Settanta del Novecento. Le società occidentali avevano raggiunto allora una considerevole opulenza...

ESCLUSIVO SCONFINI - Consigli per affrontare la crisi finanziaria e i pareri dei cittadini

  Sfiduciati dalle Borse? Non sapete più di chi fidarvi? I motivi della crisi e i perché della discesa degli indici seguita da un'impennata dei loro valori, sembrano sfuggire a tante persone. Sconf...