Skip to main content

Accordo Fiat - Chrysler. C'è chi punta sull'ironia

 |  Redazione Sconfini

Sull'accordo tra Fiat e Chrysler si è detto tutto e il contrario di tutto. All'orgoglio generato dal fatto che un'azienda italiana abbia praticamente acquisito il controllo di uno storico marchio dell'industia americana ha fatto da contraltare la paura di alcuni esperti e di alcuni sindacalisti, che temono un'ulteriore perdita di posti di lavoro in Italia a favore degli operai americani.

vignetta, fiat, chryslerSolo il tempo ci dirà se debba prevalere il primo o il secondo aspetto di questa faraonica operazione. Sul web, grazie al sito artefatti.it, un momento molto divertente e satirico di questa "fusione" è regalato da questa immagine, veramente molto molto divertente.

E così che nasce la nuova versione - ovviamente americanizzata - del più imponente bidone degli ultimi 30 anni di vita della Fiat: la Duna.

Speriamo che la liason industriale tra Fiat e Chrysler riesca a generare risultati estetici e commerciali migliori...


Altri contenuti in Economia

Grecia in bancarotta. E' testa a testa tra Portogallo, Irlanda e Italia per il prossimo default

  Nel marzo 2009, quindi poco più di un anno fa, siamo stati tra i primi a lanciare l'allarme default per alcuni paesi (leggi l'articolo) europei. Rifacendoci ad un prodotto strutturato di JP Morga...

La nuova composizione del prezzo della benzina

  Dimostrando ancora una volta il coraggio del coniglio e la trasparenza del catrame, il "geniale" Tremonti nel marasma della manovra e delle decine di provvedimenti annunciati, smentiti, ridimensi...

Quanto ci è costato un anno di governo Berlusconi-Tremonti? 520 euro in più a testa.

  La voragine del debito pubblico si sta allargando in un modo così esagerato da non trovare più alcun raffronto con altri periodi storici. Tra una notizia sull'emergenza caldo (novità assoluta in ...

L'eredità di Renzi: Italia ultima in Europa per crescita. La Grecia cresce il triplo di noi, la Romania 5 volte tanto

Sembra di essere tornati al 2011, a quando Berlusconi aveva trascinato l'Italia sull'orlo del default. Ora ci risiamo. Lo spread non è ancora esploso a quei livelli ma i dati presentati oggi dal co...

Buone notizie per lo Stato, pessime per i risparmiatori. Bot e Ctz a ruba

Chi si accontenta gode, ma sempre di meno. Complice il crollo senza fine delle Borse di tutto il mondo i risparmiatori si orientano sempre più verso la "sicurezza" offerta dai titoli di Stato. Il M...