Skip to main content

Sondaggi: McCain sorpassa Obama

 |  Redazione Sconfini

Il sorpasso. Stando a Usa Today/Gallup, il candidato repubblicano alla Casa Bianca John McCain ha scavalcato di 4 punti il democratico Barack Obama nella corsa alla presidenza degli Stati Uniti. E' la prima volta che Obama subisce il sorpasso del reduce dal Vietnam. McCain già da alcune settimane aveva iniziato a far sentire il fiato sul collo all'avversario, che però sembrava aver tratto beneficio dalla recente convention democratica che lo ha investito quale candidato.

obama mccain usa elezioniL'asso nella manica di McCain si è palesato però a poche ore dalla successiva convention repubblicana nelle sembianze più inaspettate: Sarah Palin, governatrice dell'Alaska e seconda donna candidata alla vicepresidenza. Madre di cinque figli di cui uno affetto da sindrome di down, quasi nonna già a 44 anni per "merito" della figlia sedicenne, antiabortista, super-conservatrice.

Ha convinto tutti i repubblicani e ha anche eroso consensi al governatore nero, ora non più l'unico giovane in campo.

Mancano 60 giorni alle presidenziali e la partita sembra apertissima. Se da un lato infatti Obama non può attaccare McCain e la scelta dell'inesperta Palin (sarebbe un boomerang per lui, a sua volta considerato dai detrattori troppo poco navigato per guidare il paese più potente del pianeta), è possibile che rivolga nuovamente l'attenzione all'attuale presidenza repubblicana e quindi a George Bush, le cui priorità nella spesa pubblica e le cui scelte in tema di politica economica si sono rivelate un disastro per il suo paese e non solo.

Insomma, per McCain il più grosso pericolo potrebbe essere in casa e avere il volto e il nome del suo presidente, cui dovrebbe succedere: George Bush. Se Obama, che era in vantaggio di 7 punti solo 2 settimane fa, riuscirà a convincere gli americani dell'equazione McCain=Bush potrà ribaltare ancora una volta i sondaggi. Forse.


Altri contenuti in Politica

Iran: nulla di nuovo sotto il sole!

Ci siamo occupati recentemente in questo nostro spazio delle tristi vicende relative alla feroce repressione da parte del regime comunista cinese – vent’anni or sono – contro l’insurrezione giovani...

Italincul. La nuova legge elettorale for dummies

Oltre ad avere, forse, una "nuova" legge elettorale praticamente uguale all'incostituzionale porcellum abbiamo anche il nome: italicum.  Un nome beffardo, suggerito dal nuovo alleato di Berlusconi,...

Silvio "Cesare" Berlusconi non riuscirà a dire: tu quoque Brute fili mi. Perché i suoi bruti saranno già in galera

Macché accerchiato. Il povero Berlusconi è rimasto solo con il cerino in mano. In breve tempo tutte le sue quinte colonne sparse sul territorio stanno finendo sotto inchiesta o (virtualmente) diet...

Altra giravolta di Renzi: "niente primarie per Roma, decido io". Ma non ne era il primo sostenitore?

Altra perla di democratica civiltà e fiera coerenza per il Bomba. Dopo aver favorito e spinto per mesi il sindaco Marino a dimettersi dal Campidoglio, ora che ci è riuscito, il premier Renzi sta pe...

321 collaborazionisti

E così tecnicamente il governo Berlusconi ha perso la maggioranza alla Camera. Solo 308 sono stati i voti favorevoli al "miglior premier degli ultimi 150 anni" (maggioranza a 316). Ma la cosa più i...