Skip to main content

L'Espresso a palle incatenate contro Renzi e le sue bugie sulla meritocrazia

 |  Redazione Sconfini

In un'ottima inchiesta pubblicata su L'Espresso di cui è disponibile qui un'anteprima, emerge ancora una volta la figura di un Renzi che predica bene e razzola male.

O peggio, di un premier intrinsecamente bugiardo, maliziosamente infido e del tutto inaffidabile. L'Espresso ricorda poi un paio di citazioni programmatiche dello scaltro politico toscano.

Novembre 2012: "Questo sarà un Paese dove trovi lavoro se conosci qualcosa, e non se conosci qualcuno".

Ottobre 2013: "La meritocrazia è l'unica medicina per l'Italia. Gli amici degli amici se ne faranno una ragione".

E veniamo alla prova dei fatti, sciorinata da Emiliano Fittipaldi su L'Espresso.

Gabriele Beni: imprenditore del settore calzaturificio. Ha regalato a Renzi le scarpe col tricolore sfoggiate in occasione del recupero della Costa Concordia e ha finanziato con 25mila euro la Fondazione di Renzi. E' stato nominato dal governo vicepresidente dell'Ismea, l'Istituto di servizi per il mercato agricolo alimentare controllato dal ministero dell'Agricoltura.

Massimo Ferrarese: candidato Ncd trombato alle europee del 2014, presidente della squadra di basket di Brindisi, non laureato. Oggi è presidente dell'Invimit, società del ministero dell'Economia che gestisce i fondi immobiliari per miliardi di euro.

Claudio Costamagna: ex Goldman Sachs, in stretti rapporti con Luigi Bisignani, il lobbista condannato per la maxitangente Enimont e protagonista come imputato dell'inchiesta sulla P4. Oggi è presidente di Cassa Depositi e Prestiti, il forziere del Paese, uno degli ultimi gioielli della liquidità d'Italia.

Poi ci sono tanti altri miracolati come i fotografi originari di Rignano sull'Arno (paese di Renzi) assunti a Palazzo Chigi a 70mila euro l'anno.

Tutti per merito ovviamente.


Altri contenuti in Politica

E D'Alema affogò in un bicchier di vino... anzi in 2.000 bottiglie

C'era una volta un colosso tra le cooperative rosse, la Cpl Concordia. Il suo ex presidente, Roberto Casari da poco in pensione, è da qualche settimana ufficialmente indagato per concorso esterno i...

Se Berlusconi diventa un capannone

Di tanto in tanto il berlusconismo (anche con il contributo prezioso della sua declinazione pdmenoellina) arricchisce il vocabolario italiano con nuovi significati a parole già esistenti. E' il voc...

Primarie Pd: ma perchè anche qui gli elettori Pd devono votare Berlusconi?

L'8 dicembre il Partito Democratico eleggerà il suo nuovo segretario nazionale (e candidato premier? Forse sì, anzi no, beh c'è Letta, sì, no, adesso sì, eh vediamo, ma sì, anzi no). Un nuovo entus...

Il candidato governatore del Pdl in Campania nei guai per presunto concorso esterno in associazione camorristica

Non c'è proprio limite alla deriva presa dalla politica italiana in questo travagliato 2009. Fonti autorevoli danno per certa la richiesta di autorizzazione alla Camera per l'esecuzione di una misu...

Lo statista di nome Trota

Troppo male si parla di Renzo Bossi alias il Trota. Non ci siamo. La Storia, quella con la "S" maiuscola, prima o poi riconoscerà i suoi meriti di fine statista. E anche quelli di suo padre, sua ma...