Skip to main content

Violante! Ecco i fatti nuovi che dovrebbero spingere il Pd a votare l'ineleggibilità di Berlusconi

 |  Redazione Sconfini

Le motivazioni della sentenza della Corte d'Appello di Milano in merito alla condanna a 4 anni e l'interdizione dai pubblici uffici per Silvio Berlusconi nel processo Mediaset per frode fiscale sono, dal punto di vista politico, peggio di quanto ci si poteva immaginare per il Cavaliere.

Se infatti il leader del Pdl fosse stato giudicato "solo" come beneficiario ("utilizzatore finale" direbbe Ghedini) di una gigantesca frode messa però in piedi dai suoi dirigenti, la sua situazione sarebbe stata politicamente più morbida. Certo, non poteva non sapere, ma almeno avrebbe potuto arrampicarsi sugli specchi per scaricare le responsabilità materiali del reato su altre persone. Invece, come hanno stabilito i giudici milanesi, Berlusconi ha portato avanti questo sistema per molti anni, nonostante i ruoli pubblici assunti e condotto in posizioni di assoluto vertice.

Quindi non stiamo più parlando, mutatis mutandis, di un magnaccia terzo che per ingraziarsi il potente di turno gli porta squillo a domicilio facendogli pensare di essere un latin lover. Qui stiamo parlando di uno che contribuisce a ideare, coordina e gestisce una truffa ai danni dello Stato in prima persona. Per di più anche mentre era Presidente del Consiglio. Una porcata al cubo per di più ai danni dei cittadini (il 27% dei quali continua a votarlo, sostenuti obtorto collo dagli elettori del Pd che involontariamente l'hanno riportato al governo!).

A questo punto l'appello al Pd per votare immediatamente la sua ineleggibilità a Senatore deve giungere forte e chiara: Violante ha detto "Per tre o quattro volte nelle passate legislature il centrosinistra ha votato in un certo modo contro l'ineleggibilità. Se non ci sono fatti nuovi non vedo perché dovremmo cambiare questa scelta".

Le motivazioni di questa sentenza sono più di un fatto nuovo. Sono IL fatto che dovrebbe immediatamente portare Berlusconi fuori dai Palazzi della democrazia italiana. Certo, di mezzo ci sono i berlusconiani e quelli della mutazione micidiale, i piddini berlusconizzati, ma la Storia oggi ha svoltato e ha scelto in che direzione andare.

---

diventa fan su facebook

 


Altri contenuti in Politica

Massimo Ciancimino racconta la storia del pizzino che Provenzano inviò a Berlusconi

Pochi giorni fa, tra i primi in assoluto, abbiamo dato conto della lettera di minaccia che nel 1991 la Mafia avrebbe scritto a Berlusconi. In quella missiva, che da oggi più propriamente comincerem...

La Camera chiude per 3 settimane. Non ci sono leggi e sono finiti i soldi

Voglia di un mese di ferie retribuite a 15mila euro? Peccato che solo un migliaio di fortunati italiani, ovvero i parlamentari, potranno goderselo. Hic et nunc. La Camera dei Deputati, tra ponte di...

In campagna elettorale con Benito

Nel paese dell'impunità per i potenti (legittimo impedimento, lodo Alfano, scudo fiscale, immunità parlamentare), della corruzione dilagante (dal caso Tarantini allo scandalo protezione civile), de...

Errani e Formigoni ineleggibili. Beppe Grillo annuncia un ricorso

Rinfrancato dal successo alle recenti Regionali del suo MoVimento, Beppe Grillo alza il tono della sfida alla politica dei brontosauri preannunciando al più presto un ricorso al Tribunale contro le...

Balcani, sogno e incubo d'Europa

C’era una volta un sogno chiamato Jugoslavia. In questo sogno c’erano dei popoli che per sopravvivere al mondo moderno avevano deciso di affidarsi a un destino comune. Dopo un avvio travagliato, il...