Skip to main content

Pasticcio Italicum: il cappio di presunzione attorno al collo di Renzi

 |  Redazione Sconfini

La vicenda della legge elettorale ribattezzata Italicum da uno dei suoi due ideatori, il Presidente del Consiglio Matteo Renzi (l'altro è Verdini), è perfettamente simbolica dell'ignoranza politica, della spavalderia e della berlusconianissima presunzione di onnipotenza che anima le gesta dell'ex sindaco di Firenze.

L'Italicum è stato pianificato a tavolino all'indomani dell'irripetibile 40,8% delle Europee che, con la complicità della mancia da 80 euro in busta paga, ha rilanciato le ambizioni monopolistiche del Pd renziano. Lorsignori erano così boriosi e tronfi da pensare che quel 40,8% fosse l'inizio di una scalata verso vette inimmaginabili e non il frutto di un episodio di corruzione morale perpetrata ai danni degli elettori. L'arrogante superficialità con cui è stato disegnato l'Italicum (che in un futuro non si sa quanto lontano sarà sicuramente giudicato a sua volta incostituzionale, come il quasi gemello Porcellum) mina oggi e ancor di più domani le fondamenta della confusa leadership racchiusa nel Giglio Magico.

Oggi infatti il PD è ampiamente sotto la soglia del 40% utile a strappare il 55% dei Deputati e godere della maggioranza assoluta, ma soprattutto, al ballottaggio sarebbe probabilmente sconfitto da un Movimento 5 Stelle in forte ascesa (è accaduto 5 volte su 5 negli ultimi ballottaggi amministrativi).

Essendo quella dell'onestà, causa perorata con coerenza dai grillini, lo spauracchio del sistema politico tra i più corrotti al mondo ecco che diventa vitale evitare il rischio di una loro vittoria al ballottaggio.

Come prevedemmo già in giugno, ecco infatti pronta una finta battaglia Parlamentare per modificare l'Italicum e annichilire le speranze pentastellate: ritorno delle coalizioni e via con un altro giro, identico al vecchio Porcellum. Niente preferenze, coalizioni scombicchierate, premi di maggioranza sovradimensionati e illegittimi costituzionalmente e soprattutto altri 5 anni di governi trasformisti con il Movimento 5 Stelle ben lontano dalla stanza dei bottoni.

Ora fanno tutti la pantomima sull'Italicum che deve restare così, anzi deve cambiare, anzi trattiamo, sì ma senza alterarne lo spirito, finti ricatti, litigi a favor di telecamera e poi via libera alle coalizioni di cani e porci. Tanto sono già tutti d'accordo: senza coalizioni Ncd sparirebbe in compagnia di Sel, Forza Italia diventerebbe partitucolo con poche decine di deputati, la Lega Nord non capitalizzerebbe nulla del suo rinnovato successo elettorale e Fratelli d'Italia darebbe posto ai soliti quattro gatti.

Se l'accordo non si materializzerà, allora vorrà dire che Renzi con la sua spocchia e la sua spregiudicata presunzione si sarà autoprodotto il cappio che già gli cinge il collo. Si tratta solo di trovare il boia che apra la botola già scricchiolante sotto i suoi piedi.


Altri contenuti in Politica

Lodo Alfano: stampa estera scatenata

Ha fatto immediatamente il giro del mondo la bocciatura, da parte della Corte Costituzionale, del lodo Alfano, la legge che rendeva immune da tutti i processi le più alte cariche dello Stato. Ad us...

Gli italiani onesti sono con Dell'Utri

Amedeo Laboccetta, deputato napoletano del Pdl, non ha ancora ingoiato il rospo della condanna a 7 anni di carcere in Appello inflitti a Marcello Dell'Utri pochi giorni fa. E così, per sfogarsi, gr...

Il giustiziere in pigiama

Se la situazione non fosse terribilmente grave non solo dal punto di vista economico, ma anche da quello sociale, ci sarebbe da sghignazzare per intere settimane. Mentre la politica italiana, che ...

Confermata la condanna di Mills. 4 anni e sei mesi di carcere

La seconda sezione della Corte d'Appello di Milano ha confermato la condanna a quattro anni e sei mesi nei confronti dell'avvocato inglese David Mills per corruzione in atti giudiziari. La decision...

Voterete quando i sondaggi diranno che voterete come voglio io

Ma quanto manca ancora alla dichiarazione ufficiale di regime? Certo, un regime con le calze a rete, naso e tette rifatti, impreziosito da nani, saltimbanchi e novelli Alvaro Vitali, però pur sempr...