Skip to main content

Mister "gogol": la versione Berlusconi 4.0 disponibile dal 2013

 |  Redazione Sconfini

Avanzare ipotesi sul futuro prossimo nel panorama politico italiano è, a meno che non arrivi una durissima legge sul conflitto di interessi, un esercizio semplicissimo. Si può addirittura abbozzare un calendario di massima.

 

Novembre: continua la luna di miele, ma già si intravedono le prime crepe, tra opinione pubblica e governo Monti. Le crepe sono lentamente allargate dalla strategia della stampa berlusconiana (da Minzolini a Ferrara, da Sallusti a Belpietro, da Canale 5 a Porta a porta) che di fatto sono già all'opposizione di un governo tenuto in piedi numericamente grazie ai voti (comprati) di B.

Dicembre: arrivano i primi provvedimenti impopolari. Berlusconi si smarca, sottolinea di essere vittima di un complotto finanziario internazionale e scarica le colpe sui collaborazionisti del Pd e del Terzo polo. Tuttavia tiene in piedi il governo (ma i gonzi che gli vanno dietro non riescono a collegare) perché le voragini nei conti pubblici sono ben lontane dall'essere colmate.

Primo semestre 2012: Monti affonda il coltello nella piaga. Pensioni, Ici, tagli al welfare e allo stato sociale, contratti nazionali del lavoro svuotati e così via. B. tiene in vita fino all'estate 2012 Monti, che nel frattempo grazie ad una serie di misure antievasione riesce a far entrare nelle casse pubbliche molte centinaia di milioni di euro. Nel frattempo il martellamento della stampa di regime asserisce quotidianamente che la colpa è di Fini, Casini, Bersani e un po' anche di Di Pietro. La gente, ancora una volta, crede ai disinformatori professionisti al soldo del puttaniere.

Autunno/inverno 2012: I disastri del III governo Berlusconi sono ormai stati cancellati dalle menti senza memoria degli italiani. Monti cade. Elezioni fissate già ad inizio primavera del 2013. Pd e Terzo Polo pagheranno un prezzo altissimo in termini di consenso popolare ai sacrifici richiesti da Monti e nessuno, grazie alla disinformazione che già perfettamente aveva operato nel 2006-2008 con Prodi (ricordate il tesoretto del compianto Padoa Schioppa?), capirà i motivi che hanno portato l'Italia dall'orlo del fallimento cui era stata accompagnata da Berlusconi, ad essere nuovamente un Paese un po' più credibile a livello internazionale.

Primavera/estate 2013: Si insedia il governo Berlusconi IV, anzi 4.0. Mister "gogol" ha una maggioranza schiacciante in entrambi i rami del parlamento, dove non trovano più posto i finiani. Il consenso del Pd è quasi dimezzato. La Lega si rinsalda nuovamente al suo vero padrone dopo un anno e mezzo di opposizione padana, Scilipoti sarà ministro, mentre Brunettolo (premio Nobel per l'economia in pectore) sarà all'economia, Ignazio Larussa agli Interni ordinerà i fez per la polizia. Una schiera di prostitute comporrà l'esecutivo più "rosa" dell'Occidente. E saranno cazzi amari. Non per le mignotte stavolta.

Tutto questo avverrà con un grado di certezza tendente al 100%. A meno che non si faccia come primo provvedimento una bella legge sul conflitto d'interessi.

---

diventa fan su facebook

 

vota su oknotizie

 


Altri contenuti in Politica

Verso l'addio al diritto di manifestare in piazza e ad esprimersi su internet

Ancora una volta, purtroppo, ci abbiamo visto giusto. Appena ieri abbiamo ricordato la triste storia del quindicenne Zamboni che, dopo un fallito attentato a Mussolini nel 1926, di cui fu incolpato...

Primarie Pd: ma perchè anche qui gli elettori Pd devono votare Berlusconi?

L'8 dicembre il Partito Democratico eleggerà il suo nuovo segretario nazionale (e candidato premier? Forse sì, anzi no, beh c'è Letta, sì, no, adesso sì, eh vediamo, ma sì, anzi no). Un nuovo entus...

308 voti alla Camera: Berlusconi si dimise nel 2011, Renzi manomette la Costituzione

Nel novembre 2011, l'allora maggioranza che sosteneva il governo Berlusconi si fermò a 308 alla Camera mancando la maggioranza assoluta di 316 deputati, sull'approvazione del Rendiconto dello Stato...

Cappellacci travolge Soru. I veri numeri delle elezioni in Sardegna

Il candidato del centrodestra, Ugo Cappellacci, ha vinto nettamente il sfida elettorale in Sardegna contro l'uscente Renato Soru, candidato del centrosinistra. La campagna elettorale, giocata senza...

Pronto avvocato Madia? Sì sono io! E invece era Mastella

Censurabile, indagabile, forse condannabile ma sfigato no. Questo non ce l'aspettavamo da Clemente Mastella, l'ex leader Udeur ora europarlamentare nelle file del Pdl e suo malgrado invischiato in ...