Skip to main content

Il sacco dei Pepponi

 |  Redazione Sconfini

Anche i banchieri hanno i loro spauracchi. Si tratta dell'unica specie umana più astuta e spesso più ladra di loro: i politici.

Stavolta la ruota della criminalità gira a favore degli ex comunisti, i compagni dell'Unità, i dipendenti dell'ex direttore D'Alema (si quello là), i parlamentare ex Pci, poi Pds, infine Ds prima di sciogliersi come la diarrea nel Pd.

Eh sì perché i nostri bravi Pepponi da due soldi sono riusciti a mettere nel sacco molte banche italiane con una serie di mosse a dir poco geniali nella loro semplicità. Fin dal secondo dopoguerra il Pci aveva iniziato a registrare bilanci in pesante perdita che nel corso del tempo si sono dilatati (specialmente a causa dell'enorme voragine nelle uscite causata dal quotidiano L'Unità) fino a raggiungere l'astronomica cifra di 150milioni di euro!

Al momento i Ds, morti come partito politico e da poco anche come soggetto in grado di ricevere i "rimborsi elettorali", hanno debiti sotto forma di prestiti con Unicredit (26 milioni di euro), Banca Intesa (36 milioni), Efibanca del Banco Popolare (24 milioni) e Popolare di Milano (12 milioni). Perché questi fenomeni di banchieri invece di investire in aziende produttive italiane hanno buttato soldi nel pozzo di San Patrizio dell'improduttività espressa ai massimi livelli, ovvero la sinistra italiana? Perché all'epoca il Pci-Pds-Ds poteva contare su 2399 immobili, una buona garanzia per chi emette un prestito ed è il primo dei possibili creditori in caso di crac.

Comunque, viene da pensare che queste sottospecie di Breznev in miniatura abbiano iniziato a studiare a un modo per non onorare il proprio debito. In due mosse il gioco è fatto:

1) E' nato il Pd, che partiva da una storia economica completamente nuova (infatti anche la Margherita del "cicoria" Rutelli e del fedele Lusi hanno tenuto separate le loro partite contabili) che ha abbandonato i Ds e i loro debiti (ma non coloro che hanno prodotto il buco).

2) E' stato ridistribuito a una cinquantina di fondazioni (facenti capo ovviamente ai nostri valorosi Pepponi che hanno creato la voragine) l'intero patrimonio immobiliare. Così i Ds sono una scatola vuota, che ha finora onorato il debito con i nostri soldi (rimborsi elettorali) mentre ora si presenta come un povero straccione nullatenente a cui le banche non possono togliere nulla.

E i furbastri si godono le proprietà immobiliari miracolosamente ricevute in dono attraverso le loro fondazioni. Potessero farlo, farebbero la stessa cosa con l'Italia. Si intesterebbero tutto e ci lascerebbero in mutande, si può esserne certi.

---

diventa fan su facebook

vota su oknotizie

 


Altri contenuti in Politica

Appello ai franchi smacchiatori

La ricostruzione è più o meno questa. Berlusconi in un modo o nell'altro ricatta da Napolitano compreso in giù, quasi tutti i dirigenti di partito seduti in Parlamento da oltre 15/20 anni. Fino ad ...

Lodo impronta

Altro che riforma della giustizia, qui occorre muoversi anche su un nuovo fronte della scienza forense, cioè quello che studia e analizza le impronte digitali. Dopo aver quasi salvato Berlusconi da...

Comunali a Genova: il Corriere della Sera nasconde il Movimento 5 Stelle

In attesa di avere un quadro completo di questa tornata elettorale balza all'occhio il dato del Movimento 5 Stelle. L'exploit della giovane realtà ispirata da Beppe Grillo sta scatenando un terremo...

Violante! Ecco i fatti nuovi che dovrebbero spingere il Pd a votare l'ineleggibilità di Berlusconi

Le motivazioni della sentenza della Corte d'Appello di Milano in merito alla condanna a 4 anni e l'interdizione dai pubblici uffici per Silvio Berlusconi nel processo Mediaset per frode fiscale son...

Legittimo impedimento. Il pm tenta di annullarne gli effetti

"La legge sul legittimo impedimento è incostituzionale". Ad affermarlo è stato il pm di Milano, Fabio De Pasquale , nell'ambito dell'udienza del processo sui diritti tv di Mediaset che vede il p...