Skip to main content

Fenomenologia di Matteo "il Bomba" Renzi

 |  Redazioni Sconfini

Il mainstream se n'è occupato poco per ovvi motivi (altrimenti non saremmo un paese semilibero secondo Freedom House quanto a libertà di informazione), ma a nostro giudizio avrebbe meritato un approfondimento più complessivo il soprannome che al liceo si è guadagnato Matteo Renzi detto "il bomba".

RENZIPROMESSE2Perché i suoi compagni di classe lo chiamavano così? "Perché le sparava grosse" dichiarò un suo ex compagno a una radio fiorentina (Lady Radio). Non era molto amato da suoi compagni che però lo elessero capoclasse e lui discettava su qualsiasi argomento guadagnangosi gli appellativi di "tuttologo" e "Mat-teoria".

Col tempo, in età adulta, diventò "il bugia". Ma già a 17 anni scrivendo sul "Divino", giornalino del liceo Dante, scrisse una prima invettiva rottamatrice contro l'ex segretario dell DC: "Forlani ha perso il 5% ha fatto molti errori se ne deve andare a casa, così Gava, i Prandini, chi si oppone al rinnovamento".

A Roma l'avrebbero chiamato "er cazzaro", in Veneto "el balonàro" ma il senso non cambia.

Il suo padre politico putativo fin dai tempi della Ruota della Fortuna è Berlusconi, un altro che sulle bugie ha fatto una fortuna. Ma non è solo lo spirito di spararle grosse ad unirli.

Anche la strategia per imporre i loro obiettivi è molto simile: Berlusconi voleva 10, chiedeva 100 e alla fine otteneva 50. Renzi ora inizia a svelarci una tecnica simile: a lui o chi per lui interessa soprattutto poter nominare i senatori per avere sotto controllo Camera e Senato per non avere alcun tipo di contrappeso nelle decisioni legislative. Per ottenere l'obiettivo mette parallelamente in campo una proposta di legge elettorale assolutamente incostituzionale e impresentabile dicendo per mesi che le cose sarebbero andate avanti parallelamente (anzi in maggio doveva già essere tutto approvato).

Ora mette sul piatto della bilancia una versione quasi costituzionale dell'Italicum ma in cambio pretende la fine dell'ostruzionismo dei partitini sul Senato dei nominati che altrimenti sarebbero rimasti tagliati fuori dalla versione originale.

Naturalmente è un piano già calcolato in perfetto stile berlusconiano che sul fronte Sel, Lega, Ncd, FdI potrebbe anche trovare delle sponde. Almeno però ci è chiara una cosa: l'Italicum è solo il cavallo di Troia per ottenere l'obiettivo principale ovvero lo squartamento della Costituzione Repubblicana nata dalla lotta antifascista. Anche perché Berlusconi, precipitato nettamente al di sotto del 20% di Italicum non vuole più sentir parlare.

---

Ti è piaciuta la notizia? Clicca qui e metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per restare sempre aggiornato


Altri contenuti in Politica

I socialisti scelgono la Ashton. Tramonta l'ipotesi D'Alema per il ruolo di mister Pesc

Il Partito Socialista Europeo ha deciso: sarà Catherine Ashton la candidata alla guida della diplomazia europea alla carica di Alto rappresentante per la politica estera (mister Pesc). Tramonta cos...

La rivoluzione viola. Il No Berlusconi Day

E' accaduto spesso, nella storia dei paesi occidentali ma non solo, che le rivoluzioni culturali e politiche più dirompenti siano state associate ad un colore. Senza stare a scomodare le tantissime...

La censura di Internet secondo il partito che annovera tra le sue file condannati per Mafia

Ha fatto molto scalpore l'emendamento del senatore Giampiero D'Alia, dell'Udc, all'art. 50 di un Disegno di Legge proposto dal Ministro Brunetta e che, secondo alcuni provocherà un terremoto clamor...

L'ultima speranza di Silvio: D'Alema

Un cappotto che neanche la salma di Lenin poteva augurarsi. Finisce amaramente il turno amministrativo per Berlusconi e il suo non-governo scilipotiano, con sconfitte pesanti praticamente ovunque, ...

Case in bianconero

Presto presto! Il lodo Gasparri anticostituzionale non può aspettare. Proprio ieri ci chiedevamo come mai la nuova versione del lodo Schifani/Alfano non includesse più il presidente della Camera e ...