Skip to main content

E' morto Casaleggio. Illuminato visionario o pericoloso pazzo? Di sicuro uno che finirà nei libri di storia

 |  Redazione Sconfini

E' morto per un cancro contro cui combatteva da molti anni Gianroberto Casaleggio. Dal 2005 ha preso in mano le redini del blog di Beppe Grillo trasformandolo in uno strumento di informazione alternativa e in una vera agorà dell'anti-politica.

Un passato di sviluppatore software nella Olivetti, padre di due figli avuti da due donne diverse, vegetariano. Nel 2009 è cofondatore assieme a Beppe Grillo del Movimento 5 Stelle di cui si definisce il guru. Raccoglie nel 2013 dopo i prodromi di alcune tornate amministrative locali la sfida di Fassino "Grillo si faccia un partito e vediamo quanto prende" contribuendo da stratega della rete a prendere oltre il 25% trasformando il M5S nel partito più votato in Italia alle ultime elezioni politiche.

Il personaggio, così ombroso nel carattere, ha suscitato commenti molto diversi a seconda della prospettiva dell'analista che ne cercava di delinearne i contorni. Per alcuni, i sostenitori del "miracolo" a 5 Stelle, è un visionario illuminato, uno studioso e stratega capace di vedere in una prospettiva non comune, dotato di grande sensibilità morale. Per gli altri, i detrattori dell'idea di partito liquido, un pazzo, un pericoloso burattinaio di decine di parlamentari e sindaci che terrorizzati dal venire espulsi dal movimento ne eseguono le strambe teorie politiche e ideologiche.

Intanto, è stato uno dei principali artefici di un movimento politico realmente partito dal basso e che sta sperimentando un percorso di democrazia diretta che non ha uguali in Europa e nel Mondo. Nonostante qualche ombra organizzativa (sistema validazione imperfetto, eccessivo dirigismo, la diatriba sul vincolo di mandato) il suo progetto si proietta come il fascio di luce di un faro in uno scenario politico opaco e tenebroso, nel quale ne escono ancora sempre vincitori le lobby, gli affaristi e i personaggi più loschi del Paese.

Per questi motivi si è trattato di un personaggio di cui i libri di storia parleranno in futuro. Se gli dedicheranno un trafiletto o un capitolo, però, dipenderà da chi si incaricherà di seguirne le orme. Ma questa è un'altra storia.

 


Altri contenuti in Attualità

Genitori, figli e sessualità: una questione spinosa vista da una mamma

Laura, madre triestina con due figlie di 33 e 18 anni, ci ha raccontato di non aver avuto problemi a parlare con la minore nella sua prima adolescenza: “È stato tutto molto più facile quando Anna, ...

Renzi, ancora problemi in famiglia. Dopo il padre anche il cognato viene indagato

Povero Renzi non riesce a star tranquillo neanche un attimo. Non bastassero il problemino dei contributi da dirigente maturata all'insaputa dei contribuenti per oltre 10 anni e la lunga indagine pe...

Malattia di Lyme: la zecca è la principale imputata

l termine malattia di Lyme deriva dal nome di un piccolo centro del Connecticut, chiamato “Old Lyme” dove nel 1975 si sono verificati numerosi casi di artrite di sospetta origine infettiva che hann...

I morsi del cane costano cari, ma paga sempre il proprietario?

Nel corso di una mostra canina, il mio cane, momentaneamente prestato al suo addestratore (mio carissimo amico), divincolatosi dalla presa ha morso al polpaccio uno spettatore. Ora si tratta di ris...

Referendum Costituzionale. La campagna Facebook per il "Sì" è imbarazzante

Sale la febbre per il Referendum Costituzionale di ottobre. Renzi ha promesso che il governo cadrà se vincerà il NO. Naturalmente è una balla. Quello, da Palazzo Chigi se ne andrà solo quando avran...