Skip to main content

Riapre il Parlamento e al primo giorno di lavori già hanno rubato 550 milioni

Redazione Sconfini

Si sono finalmente riaperti i lavori in Aula dopo la pausa estiva. Molti italiani ingenui pensavano fosse il momento buono per sistemare un paio di necessità vitali del Paese (strategie sull'immigrazione, reddito di cittadinanza, taglio agli sprechi, riordino pensioni, taglio tasse sul lavoro e sulla casa). Invece niente.

 

Le prime mosse della maggioranza parlamentare si sono sviluppate su 2 assi portanti.

1) La più grave di tutte è l'inglobamento di 500 milioni di Euro riservati al fondo per gli esodati (VII salvaguardia) che il Governo attraverso il MEF ha deciso di tenere nelle proprie casse con la scusa che trattasi di risorse non spese nell'esercizio 2013-14. Quindi risorse messe da parte ad hoc per gli esodati e non spese dal Governo per sua propria colpa, finiscono nelle casse del Governo stesso. Una follia.  Il fondo era stato costituito per far fronte all'emergenza sociale derivata dalla presa d'atto dell'esistenza di centinaia di migliari di esodati, senza lavoro né pensione a causa della legge Fornero.

2) La più viscida di tutte è invece l'approvazione con 319 sì e solo 88 contrari dell'emendamento del deputato PD Sergio Boccadutri, che sblocca la tranche da 45,5 di rimborsi elettorali, rimasti congelati dagli Uffici di presidenza di Camera e Senato perché mancavano le rendicontazioni! In sintesi, i partiti (escluso il M5S che restituisce da sempre gli importi milionari) si assegnano un rimborso forfettario elevatissimo a fronte di spese che in gran parte non hanno sostenuto e già bocciato dagli italiani nel referendum del 1993 e non riescono (peggio, non vogliono) neanche a produrre una minima documentazione che attesti dove finiscono queste decine di milioni! Alla faccia della trasparenza.

In un solo giorno il sistema partitico con la benedizione di Renzi ha sottratto ai cittadini la bellezza di quasi 550 milioni di euro. Un bell'inizio.

Ci aspetta un autunno caldo, anzi caldissimo.

Nella foto, il gruppo del M5S lancia banconote false da 500 euro in segno di disprezzo nei confronti della votazione dell'emendamento Boccadutri.


Altri contenuti in Attualità

Scandalo Banca Etruria: ecco come la Boschi ha contribuito a salvare il papà

La chiave di volta per comprendere il conflitto di interessi che coinvolge il Ministro per le Riforme Maria Elena Boschi è da ascrivere al Consiglio dei Ministri del 10 settembre 2015.   Fino a qu...

Raccolta oli usati, un bel risparmio per le nostre tasche

Chi si occupa di smaltire gli oli usati o esausti? Sicuramente non la rete fognaria o gli impianti di depurazione… Esistono, a supporto di cittadini e imprese, due consorzi che si occupano entrambi...

Elisabetta II festeggia il più lungo Regno della storia britannica. Nel 1940 esordì alla radio con un discorso dedicato ai bambini inglesi emigrati

Da oggi il regno della regina Elisabetta II è il più lungo di tutta la storia del Regno Unito, con i suoi 63 anni, 7 mesi e 2 giorni.   Quello della longeva Queen d'Oltremanica non è l'unico recor...

Che tempo farà?

Il tempo atmosferico è una questione assai complessa ed imprevedibile ed i profondi cambiamenti climatici avvenuti in questi ultimi decenni ne sono la prova. Per trattare in maniera seria ed approf...

Renzi e Verdini: coppia di fatto

Da un lato un premier formalmente di centrosinistra sempre più attaccato dai vecchi padroni della ditta e sempre meno amato dagli elettori, dall'altro un vecchio massone berlusconiano con nuovi pro...