Skip to main content

La fake news della settimana smontata con un'immagine: il governo M5S-PD sarebbe il governo degli sconfitti

 |  Redazione Sconfini

Circolano sui social preoccupati messaggi lanciati da elettori della galassia di partiti del centrodestra in merito a un possibile Esecutivo M5S-Pd, che purtroppo però è l'unico Governo credibile come abbiamo già spiegato con diversi giorni d'anticipo

La grande ansia è quella del tradimento della democrazia dal momento che in questo modo verrebbe svilita la volontà popolare. Se da un lato è in piccola parte comprensibile lo scetticismo dei leghisti vincitori morali della durissima sfida all'interno del centrodestra ma che pur sempre rappresentano il terzo partito, risulta assolutamente incomprensibile la rivolta dei berlusconiani, che per la prima volta dal 1994 (a parte le brevi parentesi Prodi) rischiano di trovarsi un Governo ostile agli interessi economici e giudiziari del loro leader.

Il motivo è presto detto e lo si evince dall'immagine pubblicato qui sotto. Nei giorni immediatamente successivi alle Elezioni ci siamo abituati a immaginare l'Italia divisa in due tra Nord e centro tirrenico in mano al centrodestra e sud e centro adriatico in mano ai pentastellati con un paio di eccezioni in Liguria e nelle "isole rosse" residue (Toscana e Trentino Alto Adige). Trattasi però di una grafica che rappresentava i vincitori su base regionale delle coalizioni! Una rappresentazione tutt'altro che veritiera poiché in verità come ampiamente dimostrato nelle ultime 3 legislature sono i gruppi parlamentari che orientano i destini di una legislatura, ovvero, in estrema sintesi i risultati dei singoli partiti.

Ecco allora che dobbiamo guardare l'immagine a destra per capire che a marzo 2018 in quasi tutta Italia (salvo Alto Agide, parte della Toscana e dell'Emilia in mano al PD mentre buona parte del "Lombardo-Veneto", del Friuli - ma non la Venezia Giulia - e piccole parti del Piemonte è in mano alla Lega) il primo partito per distacco è stato il Movimento 5 Stelle. Questi numeri spiegano perché non sarebbe possibile un governo senza di loro. Interessante infine notare che Forza Italia non è primo partito in nessun collegio! Dove c'è il colore blu ci si riferisce sempre alla Lega!

A ciò aggiungiamo che seppure indebolito e moribondo il PD ha preso comunque più voti della Lega e che pertanto un Governo M5S-PD sarebbe un governo tra il primo e il secondo partito del Paese. Quindi la cosa più normale d'Occidente. Il difficile ora è farlo capire.


Altri contenuti in Politica

Il "saggio" Quagliarello sul Rubygate: "aspetto di vedere i preservativi"

Tra i vecchi saggi ripescati dal pozzo nauseabondo dell'italica politica ancien régime da un Napolitano in preda alle ultime convulsioni istituzionali, spicca Gaetano Quagliarello. Nobile esponente...

Mancò poco che spezzassi il polso a Papi

Sul Sunday Times è stato pubblicato un paragrafo (rilanciato da Dagospia) del nuovo pamphlet di Gomez, Lillo e Travaglio, l'instant book "Papi" (ed. Chiarelettere). A parlare è una di quelle decine...

Il new deal di Matteoli, 16,6 miliardi per la Salerno-Reggio Calabria e il Ponte sullo Stretto di Messina entro la fine 2009

In un'intervista radiofonica a Radioanch'io, il Ministro delle Infrastrutture Altero Matteoli ha dato il via ad una sorta di New Deal all'italiana per uscire dalla crisi: 16,6 miliardi di euro di i...

Sondaggio Ballarò. Ecco spiegata la caccia alle streghe al M5S

A livello di partiti alla Camera dei Deputati, il Movimento 5 Stelle è già il primo partito italiano. A separarlo dal Pd, stando alle recentissime Politiche di 10 giorni fa, c'è un miserrimo ma sig...

Processo Dell'Utri: Ciancimino non sarà ascoltato

Massimo Ciancimino non sarà ascoltato nell’ambito del processo per concorso esterno in associazione mafiosa a carico del senatore Marcello Dell’Utri. Condannato in primo grado a 9 anni di reclusion...