Skip to main content

Legge Cirinnà: verso la fine della manfrina. Renzi era già da tempo d'accordo con Alfano

 |  Redazione Sconfini

Si avvia finalmente a una conclusione, non trionfale peraltro, la cosiddetta legge Cirinnà sulle Unioni Civili (anche omosessuali) e sulla possibilità di adottare il figlio del partner (stepchild adoption).

 

Su quest'ultimo punto la guerra in Parlamento è stata senza esclusione di colpi e il Partito Democratico sapeva di non poter contare su una vera maggioranza dal momento che i cattodem numericamente tutt'altro che insignificanti non l'avrebbero fatta passare così com'era stata congeniata. Dunque in realtà la ricostruzione di ciò che è avvenuto a Palazzo, facendo un passo indietro di qualche settimana è la seguente:

1) Alfano e i cattodem annunciano problemi seri al Governo in caso dovesse passare la Cirinnà con la stepchild;

2) Renzi, peraltro poco interessato al contenuto della legge, non vuole correre rischi;

3) La maggioranza del Partito Democratico è però favorevole a votare la legge così com'è e minaccia strascichi in caso di accordo al ribasso;

4) Con il sì scontato del Movimento 5 Stelle a seguito di consultazione on line la legge sarebbe comunque passata;

5) E alla luce delle premesse Renzi non voleva che passasse così;

6) Occorreva trovare un capro espiatorio e questo si palesa con la mezza retromarcia di Grillo che lascia libertà di coscienza ai parlamentari 5 Stelle cattolici;

7) "Colpa loro", "inaffidabili", "servi del Vaticano", "voltagabbana", "oppressori di diritti pur di sgambettare Renzi". La macchina del fango parte a 200 km/h e il manganello colpisce tutti i grillini;

8) Il M5S annuncia che i loro parlamentari voteranno comunque "NO" a tutti gli emendamenti perché vogliono votare la legge così com'è rispedendo la patata bollente sul campo del PD;

9) Mentre la disinformazione mainstream continua a manganellare il dito viene puntato di nuovo sul M5S che dice no al canguro per saltare il dibattito parlamentare;

10) Nonostante la palese incostituzionalità del canguro (emendamento Marcucci) rispetto all'art. 72 della Costituzione, il PD sparge anche nel web l'interpretazione che si tratti di una procedura prevista dal regolamento;

11) M5S, già in passato beffato dal canguro, pone la questione di forma, che vince sulla sostanza: "siamo favorevoli alla legge ma non possiamo avvallare una procedura dittatoriale come il canguro per coerenza e in vista di altri delicati passaggi parlamentari futuri";

12) Il caos nel PD è totale, il manganello anche se oramai a vuoto continua a cercare grillini per addossar loro colpe dell'eventuale affossamento della legge;

13) E' la situazione che Renzi e Alfano volevano fin da subito;

14) Non resta che un accordo al ribasso con cattodem e centristi: si elimina dalla legge la stepchild e tutto resta come prima. Con Alfano e i cattodem saldamente in mano della golden share del Governo Renzi con buona pace della maggioranza progressista e di sinistra che vivacchia nel PD.


Altri contenuti in Politica

Vitalizio a repubblichini e camicie nere: un revisionismo che supera ogni limite

Le parole del Ministro della Difesa Ignazio Larussa, che chiedeva di "accomunare i morti (della seconda Guerra Mondiale ndr) di entrambe le parti" avevano fatto storcere il naso a qualcuno, ma alla...

L'Italia corre il rischio di una bancarotta? Due ipotesi a confronto

L'improvvida uscita, sebbene poche ore dopo parzialmente ritrattata come da bravo allievo berlusconiano, del Ministro Sacconi "non possiamo permetterci neanche lontanamente che vada deserta un'asta...

Violante! Ecco i fatti nuovi che dovrebbero spingere il Pd a votare l'ineleggibilità di Berlusconi

Le motivazioni della sentenza della Corte d'Appello di Milano in merito alla condanna a 4 anni e l'interdizione dai pubblici uffici per Silvio Berlusconi nel processo Mediaset per frode fiscale son...

Ecco perché l'Italicum è peggio della legge Acerbo

Ci risiamo. Esattamente 90 anni dopo le prime elezioni politiche che anche grazie alla legge Acerbo spalancarono le porte alla dittatura fascista, l'Italia sprofonda nuovamente nel tranello autorit...

Abbandonare la nave! Abbandonare la nave!

C'era una volta il culto berlusconico. Ora non c'è più. I topi più furbetti (Casini e la sua elevata schiera di tangentari alla Cesa e mafiosi alla Cuffaro) che seguivano il pifferaio magico fin da...