Skip to main content

Scandalo Banca Etruria: ecco come la Boschi ha contribuito a salvare il papà

 |  Redazione Sconfini

La chiave di volta per comprendere il conflitto di interessi che coinvolge il Ministro per le Riforme Maria Elena Boschi è da ascrivere al Consiglio dei Ministri del 10 settembre 2015.

 

Fino a quella data l'art.72 del Testo Unico Bancario (TUB) prevedeva che in caso di commissariamento di una banca "l'esercizio dell'azione sociale di responsabilità contro i membri dei disciolti organi amministrativi e di controllo ed il direttore generale, nonché dell'azione contro il soggetto incaricato della revisione legale dei conti o della revisione, spetta ai commissari straordinari, sentito il comitato di sorveglianza, previa autorizzazione della Banca d'Italia".

Nel CDM del 10/09/2015 questo articolo viene modificato e al testo vengono aggiunte tre parole "L'esercizio dell'azione sociale di responsabilità e quella dei creditori sociali contro i membri degli organi amministrativi di controllo e il direttore generale, dell'azione contro il soggetto incaricato della revisione legale dei conti, nonché dell'azione del creditore sociale contro la società o l'ente che esercita l'attività di direzione e coordinamento spetta ai commissari straordinari speciali sentito il comitato di sorveglianza, previa autorizzazione della banca d'Italia".

Per chi non avesse capito: fino a quel giorno i creditori sociali potevano proporre azione di responsabilità nei confronti del presidente della Banca Etruria (Lorenzo Rosi), del vicepresidente Pier Luigi Boschi e degli altri membri del CdA. Ma non solo: potevano anche rivalersi su di loro, chiedendo il sequestro di proprietà immobiliari e il blocco dei conti corrente a loro intestati.

Quelle tre parole cambiano profondamente il rapporto tra il creditore sociale e gli amministratori, che possono essere oggi chiamati in causa solo dai commissari straordinari.

Ed è questo dato, sommato alla circostanza che al Consiglio dei Ministri fosse presente la figlia di un beneficiario della norma e che i commissari straordinari saranno la Banca d'Italia in accordo col Ministro dell'Economia seduto al fianco della figlia di uno dei responsabili del crac del plurisecolare istituto aretino, a far gridare allo scandalo e allo spudorato conflitto d'interessi.

La scusa dei renziani relativa all'obbligo di recepimento di una direttiva UE, inoltre, non sta in piedi, perché quelle tre parole (che nulla hanno a che fare con la direttiva richiamata) sono state aggiunte in maniera furtiva e non richiesta dall'Europa. Nella direttiva, per dirla tutta, era anzi previsto un rafforzamento del diritto di rivalsa sugli amministratori infedeli.

 

 


Altri contenuti in Attualità

Pene d’amore: le debolezze del sesso forte

La rivoluzione sessuale ha sostituito la preoccupazione di sbagliare con la preoccupazione di essere normali.Augustin Jeanneau (Les risques d’une époque ou le narcissisme du dehors) Poche cose, in ...

Città ecosostenibili: Masdar, un esempio per il futuro

Si chiama Madinat Masdar ed è “la città sorgente”, la città del futuro. Masdar City è la prima città totalmente sostenibile al mondo: zero CO2, zero auto, zero rifiuti, in altre parole sei milioni ...

Falsi abusi sui minori: dalla denuncia alle indagini

In questi ultimi mesi non passa giorno che quotidiani e televisioni non propongano vicende giudiziarie che coinvolgono minori, sia per veri che per falsi abusi, sia per sottrazione alle loro famigl...

Renzi presidente operaio: finiamo la Salerno-Reggio Calabria e faremo il Ponte sullo Stretto

Dite la verità. Sentivate o no la mancanza di un grande leader, dello statista di alto profilo, che nel contempo non si vergogna di indossare il caschetto di sicurezza e vagare per cantieri dando i...

Chiare, fresche e dolci acque…

I grandi cambiamenti, dovuti sia all’uomo che all’ambiente, verificatisi nell’ultimo secolo hanno messo in discussione il concetto di acqua come risorsa senza limiti, garantita, oltre che gratuita,...