Skip to main content

Le canne fumarie

 |  Redazione Sconfini

Il fatto. Recentemente corre voce che il mio condominio, e di conseguenza anch’io visto che sono proprietaria di un appartamento al suo interno, è obbligato a creare delle nuove canne fumarie dedicate solo alla caldaia del riscaldamento. È vero tutto ciò?

LE CONSIDERAZIONI. “La domanda ci riporta immediatamente alla legge 10 del 1991 – spiega Daniele Dolce, titolare dello studio Samaritan che si occupa di amministrazione di condomini – la quale afferma che i fumi combusti di una caldaia (monossido di carbonio, ndr) devono obbligatoriamente essere incanalati in una canna fumaria dedicata, ferma restando quella dedicata alla cucina”. Il problema non è troppo diffuso ma esiste, soprattutto nei centri urbani che hanno conosciuto un grande sviluppo nel corso degli anni ’50 e ’60. Precedentemente e successivamente il “vizio” di innalzare una sola canna fumaria non era molto diffuso (basti vedere ad esempio gli edifici più antichi, costruiti tra la fine dell’800 e gli inizi del ’900 con tutti i loro camini sui tetti, che servivano in molti casi una stanza per ciascuno).

“Il motivo – chiarisce Dolce – è strettamente legato a motivi di sicurezza: i fumi combusti devono essere incanalati in una canna fumaria dedicata poiché se c’è un’ostruzione all’esterno, come un nido di gabbiano o di rondine, il fumo torna indietro, ridiscendendo la canna fumaria, mandando in blocco la caldaia. Se ho una sola canna fumaria, questo fumo potrebbe entrare all’interno degli altri appartamenti, provocando la morte degli inquilini, che si addormenterebbero prima di soffocare senza neppure riuscire a trovare le necessarie contromosse”. Pertanto, la risposta alla domanda del nostro lettore è: “Sì, se anche il suo condominio non ha ancora una canna fumaria dedicata alla caldaia del riscaldamento, siete obbligati ad intervenire. Al più presto”.

“L’unica alternativa – conclude Dolce – sarebbe quella di installare nelle abitazioni caldaie ad alta condensazione, che però per funzionare necessitano di un piccolo foro sulla facciata esterna in modo da poter prendere ossigeno direttamente dall’esterno ed espellere monossido di carbonio direttamente nell’aria, senza passare da nessuna canna fumaria posta in cima ai tetti”.

Giuseppe Morea

 

 

 

 

 


Altri contenuti in Vita di condominio

Vecchi stabili: il pericolo amianto

Vivo in uno stabile costruito a metà degli anni ’60. Come in frequenti casi in quegli anni, le colonne di scarico delle acque nere sono realizzate in eternit (amianto), che come ben si sa è un mate...

I morosi non sono amati in un condominio

Il condomino che non paga è un evento che, per fortuna, non è all’ordine del giorno negli stabili della nostra regione, ma si tratta di casi tutt’altro che isolati, che a macchia di leopardo intere...

Il dissenso sulle liti condominiali

Il mio condominio, nel corso di una recente assemblea, ha deciso di promuovere una causa contro il condominio adiacente per un problema di infiltrazioni d’acqua che si sono verificate nella zona de...

Condominio: la manutenzione dei pavimenti

Recentemente mi sono visto mio malgrado costretto a rifare il pavimento della cucina del mio appartamento. Premetto che vivo al terzo piano e che sotto di me si trova la cucina di un altro condomin...

Quali sono le spese straordinarie che si devono pagare?

Sono proprietario di un box che si trova al piano terra di uno stabile. Giorni fa l’amministratore mi ha inviato una nota spese per lavori straordinari fatti sul tetto dello stabile in quanto a suo...