Skip to main content

Latte avvelenato: sequestro di 10 quintali a Napoli

 |  Redazione Sconfini
Vi ricordate alcune settimane fa lo scandalo del latte contaminato dalla melamina che in Cina ha colpito migliaia di bambini e fatto diverse vittime (il numero, come consuetudine del trasparente governo cinese, non è precisato)?
Latte alla melamina sequestrato a NapoliVi ricordate le rassicurazioni che piovevano da tutte le parti per rassicurare i consumatori? "L'Italia non importa latte cinese", neanche un goccio, "La filiera distributiva del nostro paese è immune da questi prodotti", "Acquistate senza problemi" e così via. Ci avete creduto?

Nel corso di un'operazione del corpo Forestale a Napoli, sono stati sequestrati niente meno che 10 quintali di latte alla melamina provenienti dalla Cina. Decine di denunce, tutto il lotto posto in condizioni di non nuocere. Il latte sequestrato dalla forestale è stato ritrovato all´interno di un hangar della zona industriale del capoluogo campano, il più importante centro logistico di generi alimentari di import-export del centro-sud italia. Coinvolti nell'operazione anche alcuni esercizi commerciali gestiti a Napoli da cittadini cinesi. Qui venivano venduti generi alimentari senza le indicazioni obbligatorie sulle etichettature.

Oltre al latte, sono stati sequestrati 300 chilogrammi di mozzarella cinese, 50 chilogrammi di prodotti caseari, 100 chilogrammi di té cinese al latte, 90 chili di papaia cinese al latte e 7 chili di zampe di gallina (!), questo perché ne è vietata l'importazione in quanto a rischio di influenza aviaria. Inoltre sono stati posti sotto sequestro panini al latte, gelatine di frutta, snack, pesce affumicato e altri alimenti che contengono piccole percentuali di latte in polvere.

A dover ancora spiegare l'accaduto il Ministro per le Politiche Agrigole Zaia: "Si tratta del più grande sequestro di latte cinese mai fatto in Italia" e ancora "Se fossero entrati in commercio ci sarebbero stati pericoli molto alti per i cittadini".

Nei campioni sequestrati la melamina era tra i 7 e i 22 milligrammi per chilogrammi (quantità non letale ma nociva), contro il limite europeo fissato a 2,5 milligrammi.

Dal momento che è impossibile che nel frattempo non si siano messe in commercio altre partite di alimenti contaminati alla melamina il consiglio, per adesso, è quello di evitare integratori alimentari di origine dubbia e di acquistare da negozi etnici, soprattutto evitando i piccoli supermercati cinesi.

Altri contenuti in Cronaca

"Golpe" degli operai Fiat a Termini Imerese

Dal momento che la crisi non è mai esistita e se fosse esistita è già alle nostre spalle, non si capisce il motivo per cui c'è stato un "golpe" al Comune di Termini Imerese. La realtà è che la cris...

Gioacchino Genchi sospeso dalla Polizia. I meetup manifestano sotto le Questure

Il vicequestore e consulente tecnico di molte Procure del Sud Italia, Gioacchino Genchi, finito nel tritacarne mediatico dopo lo "scandalo" intercettazioni, sgonfiatosi in poche ore dopo una serie ...

Il lungo abbraccio mortale del partito dell'amore

Pochi mesi fa, in un articolo dal titolo "Se tre indizi sono una prova una nuova Tangentopoli è a un passo", ci siamo chiesti alla luce delle continue inchieste giudiziarie (di corruzione ma non so...

La festa della corruzione

Come corrompere un testimone e farla franca. L'avvocato inglese David Mills, divenuto celebre dopo le due condanne in primo grado e in Appello per essere stato corrotto dalla Fininvest di Silvio ...

Bancarotta fraudolenta: niente archiviazione per il papà di Renzi

Quando a fine marzo la Procura chiese l'archiviazione per Tiziano Renzi indagato per bancarotta fraudolenta dell'ex società di famiglia (Chil Post), il celeberrimo figlio Matteo il Bomba tirò un so...