Skip to main content

Berlusconi e Dell'Utri indagati per strage? Chi l'avrebbe mai detto...

 |  Redazione Sconfini

stragefirenzegeorgofiliVenerdì 4 dicembre 2009, poche ore dopo le dichiarazioni del pentito di mafia Gaspare Spatuzza, certi delle menzogne propinate dalla stampa di regime, alla luce delle clamorose rivelazioni del killer di Cosa Nostra, su Sconfini siamo approdati ad una possibile conseguenza che abbiamo riportato nell'articolo: Il conto alla rovescia è cominciato.

In quel momento in pochi si erano effettivamente accorti che il berlusconismo aveva impattato con i numerosi scheletri nell'armadio che l'avevano generato. Noi però scrivemmo

Spatuzza è stato ascoltato nell'alveo del processo Dell'Utri ma c'è un altro atto che probabilmente dovrà essere compiuto dalle procure che stanno indagando su altri fronti, cioè quelli delle stragi: l'iscrizione nel registro degli indagati del premier Silvio Berlusconi forse con l'accusa di concorso in strage o di concorso esterno in associazione mafiosa. Il passo diventerà pressoché obbligato se le parole di Spatuzza saranno ritenute credibili e veritiere dai giudici.

E infatti già allora, ma si stanno cominciando ad avere le prime conferme solo in queste ore, proprio mentre noi giungevamo a questa conclusione, Berlusconi e Dell'Utri sono stati probabilmente iscritti nel registro degli indagati dalla Procura di Firenze che sta indagando senza soste dal 1993 a caccia dei mandanti occulti delle stragi che hanno insanguinato quel periodo a Firenze, Milano e Roma.

A scriverlo oggi è il quotidiano l'Unità (in un articolo di Claudia Fusani riportato anche dal Fatto Quotidiano) che rivela che i due compaiono nel fascicolo numero 11531 del 2009 con generalità protette "Autore Uno" e "Autore Due". Entrambi furono già indagati subito dopo le stragi ma le loro posizioni furono archiviate: 7 morti e decine di feriti il bilancio di quel periodo extra-siciliano di stragi. Finora non sono giunte smentite dai diretti interessati, né dalla Procura di Firenze.

Il tutto ovviamente alla faccia di chi disse (mentendo sapendo di mentire) che Filippo Graviano aveva smentito Spatuzza. Qui sembra anzi che le dichiarazioni di Spatuzza abbiano rovesciato le indagini come un calzino.


Il salto di qualità dell’inchiesta è stato determinato innanzitutto dalle dichiarazioni di Gaspare Spatuzza, il boss di Brancaccio, vicino ai fratelli Graviano, poi diventato collaboratore di giustizia. “I Graviano mi dissero che gli attentati di Firenze, Milano e Roma non ci appartenevano. Quello era terrorismo. Ma mi dissero anche che era bene portarsi dietro questi morti, così chi si doveva muovere si sarebbe mosso”. E ancora: “Giuseppe Graviano mi disse che avevamo chiuso tutto e ottenuto quello che cercavamo. Mi parlò di Berlusconi e Dell’Utri: con loro ci eravamo messi il paese nelle mani”.
Ora l’indagine di Firenze, coordinata dai sostituti procuratori Giuseppe NicolosiAlessandro Crini e dal procuratore Giuseppe Quattrocchi, dopo un anno di lavoro, ha ottenuto una proroga di altri sei mesi. Dovrà trovare riscontri alle dichiarazione “de relato” di Spatuzza sulle bombe del 1993 agli Uffizi, al Pac di Milano, a due basiliche romane e sul fallito attentato allo stadio Olimpico della capitale.

---

diventa fan su facebook

 

vota su oknotizie

 


 


Altri contenuti in Cronaca

Portogallo: l'inizio della fine dei governi iperliberisti?

Il Portogallo, è risaputo, è messo peggio dell'Italia. Dopo la Grecia è il Paese maggiormente messo in ginocchio dai parametri economico-finanziari che ormai hanno sostituito il popolo nelle scelte...

Richard: il neonato "gigante" di 6,4 kg

  Un lieto evento da record ha allietato il Natale di una famiglia di Laguna Hills in California, nella contea di Orange: il 23 dicembre i signori Sault hanno infatti visto nascere il loro speciali...

Polverini all'ospedale: 30 posti letto e 3 infermiere dedicate

Renata Polverini, per gli amici Frangetta Nera, si è sottoposta a un piccolo intervento chirurgico all'Ospedale Sant'Andrea di Roma.   Alla faccia dell'uguaglianza dei cittadini, alla governatrice ...

Stavolta non ha chiamato nessuno

Sembra incredibile, ma è successo davvero! Kathryn Emily Andrews, una ragazza inglese di 25 anni è stata arrestata per ubriachezza molesta a Milano. "Sono la figlia del ministro inglese" si è difes...

L'incredibile storia di Khadim. E delle leggi padane

A volte, come ovvio che sia, le leggi hanno delle implicazioni buffe o addirittura controproducenti. La strategia muscolare della Lega Nord e della sua legge che criminalizza le persone per il solo...