Skip to main content

Dedicato a quelli che "il M5S deve dialogare col PD"

 |  Redazione Sconfini

Nell'ultimo anno il leit motiv dell'elettore indefesso piddino ha addotto un'unica potentissima scusa per giustificare sotterfugi, tangenti e indicibili alleanze del partito per cui fanno il tifo: "Se il M5S non dialoga con Bersani, Letta, Renzi è normale che si cerchino altri compagni di viaggio".

renzusconiA parte il fatto che la Storia ha già svelato i compagni di viaggio ideali alla dirigenza del Pd (patto della Crostata, Salva Rete4, Scudo Fiscale, lodo Alfano, ex Cirielli, Bicamerale e via discorrendo) è tuttavia possibile ammettere che questi inconfutabili elementi storici siano stati dimenticati dall'italiano medio di cui ben sappiamo la scarsissima memoria politico-istituzionale.

Forti di questa coscienza storica i grillini hanno così rifiutato da sempre ogni dialogo con Bersani-Letta-Renzi. Ovviamente avevano ragione ma il modo per dimostrarlo si è finora rivelato completamente errato. Il rifiutare il dialogo o gridare la propria motivatissima rabbia al "Sistema" quando necessario era giusto nel merito ma sbagliato nel merito. Perché l'italiano non ricorda. La coscienza colletiva in materia di politica è stata pressoché azzerata dagli anni del berlusconismo. obnubilata da tette, culi, nastrini, e paillettes.

Le dichiarazioni di Bersani "Mica volevo fare l'alleanza con Grillio io. Son mica matto" pochi mesi dopo le elezioni non erano sufficienti ancora.

Ci è voluto un altro anno per trovare la via giusta: sedersi al tavolo con il baro Renzi e scoprire il bluff.

Manipolati da Verdini e Berlusconi, Renzi e la Boschi tentano di mettere mano alla Costituzione, al sistema elettorale, al Senato. Di fronte alla prospettiva di spalancare le porte dell'Italia a una dittatura di matrice piduista i 5 Stelle hanno finalmente cambiato passo. Si sono seduti al tavolo, hanno parlato con Renzi, si sono fatti dare i punti per la discussione e, ieri in un'intervista al Corriere, Di Maio ha fatto capire che a determinate condizioni 8 dei 10 punti sono accettabili dal movimento. Non male.

L'incontro di oggi sarebbe dovuto essere quello della svolta. E invece il Pd (e Renzi) cancella l'incontro perché non è giunto un documento scritto! Questi vincitori mondiali di arrampicata sullo specchio inventano il giorno prima di un incntro da loro fissato una regola che non era prevista prima e sperano pure di farla franca.

Tra l'altro in un quadro in cui il pregiudicato Berlusconi può entrare e uscire da palazzo Chigi conducendo trattative in gran segreto (non sappiamo ancora cosa vuole il frodatore fiscale in cambio dell'appoggio di queste "riforme") a braccetto con il plurindagato Verdini.

La prossima volta chiederanno che il documento sia presentato da Di Maio in ginocchio sui ceci e quella dopo ancora Renzi chiederà in tributo la testa di Casaleggio?

Perché questa paura di incontrare i 5 Stelle?

Perché il Pd si caga nelle mutande quando c'è di mezzo Berlusconi?

Cosa vuole in cambio?

Perché blindare un testo oggettivamente incostituzionale che forse non ha neppure i numeri in parlamento?

La Storia ha già fornito tutte le risposte a queste domande. Ma darvi una risposta ora non servirebbe a nulla. Gli italiani dimenticherebbero subito.

---

Ti è piaciuta la notizia? Clicca qui e metti MI PIACE sulla nostra pagina Facebook per restare sempre aggiornato


Altri contenuti in Politica

Lusi in galera, Grillo mette la freccia

Con 155 voti a favore e solo 13 voti contrari (Rutelli non ha avuto neanche il coraggio di premere il bottone), il Senato ha dato il via libera alle manette per l'ex tesoriere della Margherita Luig...

Grillo vs Unità: il finanziamento pubblico ai giornali e la (parziale) anomalia italiana

La polemica del giorno riguarda Beppe Grillo e l'Unità. Tema del contendere: i finanziamenti pubblici ai giornali (di partito). Il giornale del Pd ha pubblicato un titolo a dir poco osceno che acco...

Renzistere! Renzistere! Renzistere!

Ancora una volta, purtroppo, siamo stati delle attendibili Cassandre. Su Matteo Renzi, già nell'aprile 2013 avevamo messo in guardia gli elettori delle primarie sul personaggio che il mainstream di...

Milanese si salva dal carcere per 6 voti. Sono quelli dei (finti) oppositori assenti

E così un altro probabile delinquente si è salvato. L'ex braccio destro del ministro dell'economia Tremonti si è salvato dalla galera grazie al voto dei sodali della maggioranza che hanno quasi com...

Moretti. Viva la sincerità

Qualche tempo fa era molto diffusa un pubblicità di una birra, omonima di Alessandra Moretti, ex berlusconiana, ex bersaniana, anti-renziana e ora renziana di ferro, il cui slogan era "Viva la sinc...